In breve
Sì, accedendo alla banca dati delle Figure professionali certificate sul sito di Accredia www.accredia.it.

In dettaglio
Accedendo alla banca dati delle Figure professionali certificate sul sito di Accredia www.accredia.it, è possibile ricercare le persone in possesso di certificato, ad eccezione dei casi in cui tali persone abbiano formalmente negato ad STS Srl l’autorizzazione all’utilizzo dei propri dati personali per tali finalità.
Le informazioni che vengono fornite dalla banca dati sono relative alla norma in conformità alla quale la persona ha ottenuto la certificazione oltre che al numero ed alla data di emissione e scadenza del certificato.

In breve
La durata dipende dalla norma in conformità alla quale il certificato è stato rilasciato, purchè risulti documentata la conferma semestrale di validità della certificazione da parte del datore di lavoro o comunque dal responsabili dell’attività di saldatura in azienda.

In dettaglio
Il certificato rilasciato alle persone addette alle attività di saldatura o brasatura ha durata variabile in funzione della norma in conformità alla quale lo stesso è stato emesso.
Ad esempio i certificati emessi in conformità alle parti della norma UNI EN ISO 9606 per saldatori hanno durata triennale, mentre quelli emessi in conformità alla norma UNI EN ISO 14732 per operatori di saldatura hanno durata pari a sei anni.
In ogni caso, la durata complessiva è subordinata all’evidenza della cosiddetta conferma semestrale di validità del certificato.
La conferma semestrale di validità, da documentare sul retro del certificato da parte del datore di lavoro o comunque dal responsabili dell’attività di saldatura in azienda, sta ad indicare che nel lasso di tempo tra una conferma e l’altra:

  • il saldatore ha eseguito regolarmente il tipo di saldatura per il quale è qualificato,
  • non ci sono state interruzioni della sua attività in saldatura per più di 6 mesi,
  • non ci sono motivi per mettere in dubbio la sua abilità in saldatura (es. non sono state rilevate non conformità riconducibili a saldature da lui eseguite).

In breve
I possibili metodi di rinnovo sono fondamentalmente due e alternativi: documentale o ripetizione completa della prova d’esame.

In dettaglio
I possibili metodi di rinnovo di un certificato di qualifica da saldatore, brasatore od operatore di saldatura sono fondamentalmente i due alternativi esposti nel seguito:

  1. documentale: consiste nella analisi di tutta la documentazione atta a dimostrare che nel periodo di validità del certificato il saldatore ha eseguito le tipologie di saldature per le quali risulta qualificato e che le stesse sono risultate accettabili rispetto ai requisiti di conformità di riferimento. I controlli richiesti per dimostrare la conformità delle saldature realizzate e la relativa frequenza possono variare in funzione di alcuni condizioni (es. possesso della certificazione secondo UNI EN ISO 3834-2 o UNI EN ISO 3834-3 da parte dell’impresa in cui è impiegato il saldatore);
  2. ripetizione completa della prova d’esame: consiste nella ripetizione integrale della prova di saldatura effettuata per ottenere la prima certificazione.

In breve
I certificati di qualifica delle procedure di saldatura o brasatura (WPQR o BPAR) non hanno scadenza.

In dettaglio
I certificati di qualifica delle procedure di saldatura o brasatura (WPQR o BPAR) non hanno scadenza.
Nel caso però in cui le tipologie di saldature realizzate in azienda dovessero subire variazioni tali da non essere più complemente o del tutto incluse nel campo di validità dei certificati posseduti, gli stessi dovrebbero essere integrati o sostituiti da nuovi certificati di qualifica a copertura delle tipologie di saldature effettivamente realizzate.

In breve
Sì.

In dettaglio
Il certificato è rilasciato da STS Srl in versione bilingue (italiano ed inglese) in conformità a norme riconosciute a livello internazionale, quindi se la persona ottiene il certificato in Italia, potrà utilizzarlo anche in stati esteri.
Occorre però fare attenzione al sistema normativo rispetto al quale il certificato è stato emesso. Nello specifico i sistemi normativi di riferimento sono fondamentalmente due, il sistema europeo ed internazionale, costituito dalle norme EN ISO, e quello americano, costituito dalle norme ASME e tra questi due sistemi non esiste un mutuo riconoscimento.

In breve
Il certificato appartiene sia al saldatore che all’azienda.

In dettaglio
Il certificato di qualifica del saldatore, brasatore od operatore di saldatura appartiene sia al saldatore che all’azienda. Nel caso in cui dovesse interrompersi il rapporto di lavoro tra saldatore ed azienda durante il periodo di validità del certificato, quest’ultimo non sarebbe comunque più di spendibile per nessuna delle due parti.